Biennale d’Arte Contemporanea del Belvedere di San Leucio

Biennale d’Arte Contemporanea del Belvedere di San Leucio: presentato in Comune l’evento organizzato dalle Amministrazioni di Caserta e Casagiove

“Eventi importanti come la Biennale d’Arte Contemporanea sono utili a valorizzare i nostri beni artistico-culturali più rappresentativi e costituiscono delle formidabili occasioni di sviluppo turistico ed economico per l’intero territorio”.

Così si è espresso il sindaco di Caserta, Carlo Marino, che stamani è intervenuto presso la Sala Giunta del Comune nel corso della conferenza stampa di presentazione della “Biennale d’Arte Contemporanea del Belvedere di San Leucio”, che si svolgerà ad ottobre e che avrà come palcoscenici principali il bene Unesco casertano e il Quartiere Militare Borbonico di Casagiove.

L’evento è realizzato in collaborazione tra il Comune di Caserta e quello di Casagiove e rientra nell’ambito di un protocollo d’intesa siglato tra i due Comuni lo scorso 27 aprile, avente ad oggetto la realizzazione di progetti di valorizzazione turistico-culturale dei siti borbonici.

Alla conferenza erano presenti anche il sindaco di Casagiove, Roberto Corsale, l’assessore alla Cultura del Comune di Caserta, Daniela Borrelli, il consigliere delegato alla Cultura del Comune di Casagiove, Gennaro Caiazza e il direttore della Biennale, Gianpaolo Coronas.

La Biennale, che prevede la partecipazione di artisti di livello internazionale, prenderà il via il prossimo 1 ottobre al Belvedere di San Leucio, mentre una seconda inaugurazione è in programma il 7 ottobre al Quartiere Militare Borbonico di Casagiove.

“Il nostro obiettivo – ha proseguito Marino – è quello di mettere a sistema due città importanti come il Capoluogo di provincia e Casagiove, valorizzando i rispettivi capolavori di epoca borbonica, mettendoli in relazione con l’arte contemporanea, realizzando un mix virtuoso tra passato, presente e futuro”.

“Il Quartiere Militare Borbonico – ha spiegato il sindaco di Casagiove, Roberto Corsale – è nato prima della Reggia e per noi deve essere motore di sviluppo, opportunità di crescita economica, culturale e occupazionale. Credo che la Biennale di Arte Contemporanea sia una grande occasione per la nostra città, anche perché avremo la fortuna di ospitare artisti di fama internazionale”.

“Il Belvedere di San Leucio – ha aggiunto l’assessore alla Cultura del Comune di Caserta, Daniela Borrelli – è la nostra straordinaria risorsa, l’asse portante di questa Biennale. Il bene Unesco si aprirà all’arte contemporanea e, assieme al Mac3, il nostro museo cittadino, sarà teatro di iniziative di grandissimo valore”.

“Sin dall’inizio – ha dichiarato il consigliere delegato alla Cultura del Comune di Casagiove, Gennaro Caiazza – abbiamo condiviso l’idea della Biennale con grande entusiasmo in quanto convinti che porterà dei benefici all’intera comunità. Stiamo puntando sul Quartiere Militare Borbonico in quanto è un fondamentale elemento di sviluppo per la città di Casagiove”.