Giornate Europee del Patrimonio 2017. Caserta è pronta!

Il 23 e 24 settembre il ricco patrimonio culturale casertano si illumina, con iniziative ed eventi volti a sensibilizzare sempre più il cittadino verso il proprio territorio

Il 23 e il 24 settembre 2017 si celebrano le Giornate Europee del Patrimonio, manifestazione ideata nel 1991 dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea con l’intento di potenziare e favorire il dialogo in ambito culturale tra le Nazioni europee.

Diamo un’occhiata più da vicino agli eventi che coinvolgeranno il territorio casertano, sin dai tempi antichi grondante di storia e scambi culturali e materiali tra popoli.

La Reggia e Ponti della Valle

Per l’occasione, sabato 23 è previsto il prolungamento della visita agli Appartamenti storici della Reggia di Caserta dalle 19,30 alle 22,30 al prezzo di 1 euro

Inoltre, la Reggia di Caserta aderisce alle G.E.P. con le seguenti iniziative:

Sabato 23, dalle 9 alle 13 e dalle 19 alle 22, e domenica 24 dalle 9 alle 13.

Nel salone centrale della collezione “TerraeMotus”, sarà presentato al pubblico il focus “Natura e Cultura” sulla pittura dell’Ottocento napoletano. I visitatori, accolti nelle retrostanze dell’Ottocento, saranno introdotti ai principi pittorici della Scuola di Posillipo e la Scuola di Resina: osservazione attenta della natura, descrizione oggettiva del dato visivo, non contaminato da interpretazioni colte, preferenza per le vedute paesaggistiche e urbane, arricchite dagli aspetti semplici della vita quotidiana nel paese. Da questi principi prendono le mosse alcuni artisti presenti nelle collezioni borboniche dell’Ottocento. L’opera di Nicola Palizzi (Vasto 1820-Napoli 1870) “Veduta di Melfi distrutta dal terremoto” 1851, per riflettere sulla drammaticità degli eventi sismici nella storia dell’uomo ed il ruolo delle Arti come arricchimento per le generazioni future. Nell’opera dell’artista ritroviamo quindi un fedele ricordo storico, che ha conservato gli effetti di una catastrofe che rase al suolo una città di più di diecimila abitanti, con la morte di quasi ottocento persone.

Sabato 23, dalle 19.30 alle 23.30, ogni 30 minuti, appuntamento nel piazzale antistante i Ponti della Valle.

Sarà possibile visitare il camminamento superiore dei Ponti della Valle illuminato da fiaccole per una serata dedicata all’osservazione astronomica.

Domenica 24, appuntamento alle ore 9.00 nel piazzale antistante i Ponti della Valle per formare i gruppi di max 25 partecipanti.

Sarà effettuata la “Passeggiata Reale” sul tema “Un percorso fra ingegneria, natura, arte e storia presso i Ponti della valle” che porterà i visitatori lungo il tracciato dell’Acquedotto Carolino. La visita guidata partirà alle ore 9.30 e durerà circa tre ore e 30 percorrendo 1 km (andata e ritorno). Si consiglia abbigliamento comodo.

Le iniziative si svolgeranno in collaborazione con la Pro Loco “Valle” di Valle di Maddaloni ed il patrocinio del comune di Valle di Maddaloni, l’UMAC Unione Maddalonese Amici del Cielo e il Rotaract Maddaloni-Valle di Suessola.

La Pro Loco “Valle” in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio presenterà la  25° Edizione della Festa della Mela Annurca che si terrà dal 13 al 15 ottobre 2017 in Valle di Maddaloni. Nel piazzale antistante i Ponti della Valle saranno presenti alcuni stand di prodotti enogastronomici tipici del territorio.

Il Belvedere di San Leucio

Boom di prenotazioni al Belvedere di San Leucio per le visite in programma in occasione delle “Giornate Europee del Patrimonio” del 23 e 24 settembre. Ad oggi circa 500 sono le persone che hanno deciso di non perdere la straordinaria occasione di poter visitare il sito, Patrimonio mondiale dell’Unesco.

 Sabato 23 e domenica 24 le visite guidate partiranno alle ore 9,30, alle 10,45, alle 12,00, alle 15,30 e alle 17,00. I costi saranno di 6 euro per il biglietto intero e di 3 euro per il ridotto. Sabato 23 settembre è prevista un’apertura straordinaria serale di tre ore in continuità con l’orario ordinario, con ulteriori tre turni di visita alle ore 18, alle ore 19 e alle ore 20, al prezzo simbolico di 1 euro per l’ingresso, più un euro a persona per l’operatore didattico.

Durante le visite largo spazio sarà dedicato alla trattazione della Storia dei Giardini ed in particolare dei giardini terrazzati, aderendo dunque al tema “Cultura e Natura” indicato dal Consiglio d’Europa per questa edizione.

Museo archeologico dell’Antica Capua

“Da selvaggia a addomesticata: intrecci tra natura e cultura”
Il Museo archeologico dell’Antica Capua, nel giardino di Villa Cristina, espone reperti di età romana per proporre una lettura che esalti il ruolo della Cultura e della Natura negli spazi urbani. Sempre al Museo il tema “Cultura e Natura” pone l’attenzione su “La Natura addomesticata: il giardino delle domus da hortus a viridarium”. Nel giardino del Museo sarà, invece, allestito uno spazio verde con sculture e resti di pitture parietali che decoravano le ricche domus dell’antica Capua.

“Non erba ma paesaggio da amare”
Nell’Anfiteatro campano verrà approfondito il tema “Non erba ma paesaggio da amare” dedicato a una natura differente e più selvatica quando si impossessa degli spazi verdi intorno ai monumenti archeologici. Note sono le immagini dell’anfiteatro che si presenta ai viaggiatori europei sette/ottocenteschi immerso in un paesaggio con ruderi che emergono tra arbusti e vegetazione incolta. L’area archeologica conserva specie ed associazioni vegetali inusuali, le cui peculiarità saranno descritte dall’agronomo Luigi d’Aquino, ricercatore ENEA.
In occasione dell’apertura serale del sito, prenderà il via alle ore 20 Il Simposio” di Platone a cura dell’Associazione Culturale “DIOTIMA-L’Alt(ro) Teatro“, che opera in Campania e nel Lazio da circa venti anni, mettendo in scena soprattutto testi classici.

Programma di sabato 23:
ore 10:30 visita alla Villa Cristina (apertura ore 10.00- 13.00) – ingresso e visita gratuiti                                                                         ore 11:30 e 17 visita al Museo Archeologico dell’Antica Capua – ingresso a pagamento e visita gratuita                                 ore 18:30 visita guidata al verde naturale dell’Anfiteatro Campano
ore 19:00 visita all’Anfiteatro Campano
ore 20:00 Il Simposio” di Platone a cura di“DIOTIMA-L’Alt(ro) all’Anfiteatro Campano (apertura straordinaria 18.30|22.00) – ingresso a €1 e spettacolo gratuito

Programma di domenica 24:
ore 10:30 visita alla Villa Cristina (apertura ore 10.00- 13.00) – ingresso e visita gratuiti
ore 16:00 visita all’Anfiteatro Campano – ingresso a pagamento e visita gratuita
ore 17 visita al Museo Archeologico dell’Antica Capua – ingresso a pagamento e visita gratuita

 

Museo archeologico dell’Antica Capua: costo biglietto di ingresso: Intero euro 2,50 – Ridotto 1,25

Museo archeologico di Calatia – Maddaloni

Domenica 24, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2017, il tema “Cultura e natura” verrà affrontato anche dal Museo Archeologico di Calatia di Maddaloni, che propone l’evento “Le stagioni dell’orto romano. Laboratori didattici, giochi e visite guidate“.
Con un programma di attività ludiche e culturali, adatte a tutti, sarà possibile scoprire i segreti dell’alimentazione nell’antica Roma e verrà creato un orto didattico e un semenzaio.

Programma:
ore 10.00, La Casa del vaso magico: visita guidata alla sezione del museo dedicata alla villa romana di Calatia, detta “del vaso magico”, incentrata sulle informazioni relative alle attività domestiche e agli aspetti dell’alimentazione antica.
ore 10.30, “Il cibo nostro e il cibo degli altri”: Conversazione con l’archeologo e giochi interattivi per grandi e bambini.
ore 11.30, “l’orto dei romani”: seguendo le indicazioni degli antichi trattati di agronomia di Varrone, Catone e Columella, verranno selezionati ortaggi ed erbe aromatiche per allestire insieme ai partecipanti un orto didattico e un semenzaio.

Ingresso libero