Ultime notizie
Home » Politica » Caserta, al via la lotta alle installazioni pubblicitarie abusive

Caserta, al via la lotta alle installazioni pubblicitarie abusive

Partita la rimozione ad opera del Comune di Caserta. Marino: “Si ristabilisce la legalità”. Riello: “Il decoro urbano una priorità”

Ha preso il via dalla zona Nord-Est di Caserta l’attività di rimozione delle installazioni pubblicitarie abusive presenti in città. Stamani, infatti, il lavoro congiunto compiuto da tecnici del Settore Attività Produttive, Polizia Municipale e Cet (ex settore Manutenzione) è iniziato da via Cappuccini, proseguendo nelle zone limitrofe, ovvero quelle comprendenti via Amendola, via SS. Nome di Maria e le aree circostanti, incluse quelle adiacenti l’ospedale civile. Particolare attenzione è stata dedicata alla rimozione di tante preinsegne e frecce direzionali abusive, recanti pubblicità di attività private e ubicate a ridosso di segnaletica stradale ufficiale. I cartelli abusivi ostacolano la corretta visione e creano anche problemi di pericolosità alla circolazione stradale. Si è deciso di partire da questa zona della città in quanto qui è concentrato il maggior numero di installazioni abusive. Nei prossimi giorni l’attività proseguirà in ogni quartiere e rione di Caserta, a partire dalle frazioni, dove pure non mancano le pubblicità non autorizzate.

L’operazione iniziata questa mattina, e che proseguirà ininterrottamente fino alla rimozione di tutte le installazioni abusive, è imponente. Basti pensare che al termine dell’attività saranno tolti oltre 1000 cartelli pubblicitari abusivi dislocati in tutte le zone della città e resteranno, naturalmente, solo quelli autorizzati, che al momento risultano essere poco meno di 20. Questo provvedimento fa seguito ad una delibera di Giunta approvata a settembre su proposta dell’assessore alla Programmazione dello Sviluppo Produttivo della Città, Pietro Riello, e che si poneva l’obiettivo di inventariare, riorganizzare e razionalizzare gli impianti pubblicitari esistenti, rimuovendo le installazioni abusive e ristabilendo una situazione disciplinata e decorosa nel comparto. A novembre, poi, il Comune aveva pubblicato (anche sul sito internet dell’Ente) un avviso con il quale si invitavano i proprietari dei cartelli a rimuovere la segnaletica abusiva.

“Si tratta – ha spiegato il sindaco di Caserta, Carlo Marino – di un’azione estremamente importante e significativa. Con la rimozione di queste installazioni pubblicitarie abusive ripristiniamo la legalità in un settore in cui troppo spesso sono state adottate procedure poco lineari e che non hanno tenuto conto delle regole. In questo modo l’Amministrazione Comunale intende dare un segnale preciso. La nostra deve essere una città normale, dove le leggi esistono e si rispettano. Ed è proprio partendo da queste cose e dal ripristino delle regole del vivere civile che possiamo risalire la china e puntare ad una crescita complessiva, sotto tutti i profili”.

“Il nostro obiettivo – ha aggiunto l’assessore alla Programmazione dello Sviluppo Produttivo della Città, Pietro Riello – è duplice: da un lato far rispettare le regole, e in particolare quelle previste dal Codice della Strada, così da garantire anche la sicurezza dei cittadini, dall’altro assicurare un’adeguata vivibilità a tutte le zone della città, rimuovendo tutto ciò che la sporca o la deturpa. Per noi il decoro urbano è un’assoluta priorità e intendiamo andare avanti senza esitazioni su questo argomento”.


GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre notizie e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB

About Redazione ZON

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.

Check Also

Deteneva armi ed esplosivi, un uomo arrestato dalla Polizia di Stato

La Polizia di Stato di Caserta ha arrestato un 66enne di Sessa Aurunca per detenzione illecita …

| ZON | Salerno | Roma | Milano | Napoli | Benevento | Avellino | Caserta | Lecce | Foggia | Molise | Matera | Bari | Messina |