Ultime notizie
Home » Attualità » “No all’impianto Telecom in via cangio”, previsto nuovo incontro tra sindaci e cittadini

“No all’impianto Telecom in via cangio”, previsto nuovo incontro tra sindaci e cittadini

Continua la campagna di sensibilizzazione promossa dal comitato spontaneo “No all’impianto Telecom in Via Cangio” costituitosi lo scorso mese di marzo per tutelare i cittadini residenti nell’area in cui è prevista la realizzazione di un ripetitore telefonico della Telecom

Nel corso dell’incontro del 11.03.2017, il Presidente del Comitato, avv. Luigi De Rosa, ha esposto al Sindaco di Santa Maria a Vico Andrea Pirozzi e all’assessore all’ambiente Pasquale Crisci, le finalità dell’organizzazione, ovvero la ferma opposizione rispetto alla costruzione di un’opera che per la sua portata ed ampiezza (trattasi di un pilone alto ben 36 metri con annesso ricetrasmettitore, 4 antenne e una parabola) rappresenta un grosso pericolo per la salute dei cittadini.

Il Comitato attualmente conta all’incirca 400 adesioni: anche i proprietari dei terreni circostanti hanno aderito al Comitato e notificato al Comune di Santa Maria a Vico le dichiarazioni di dissenso rispetto ad eventuali aggravi di servitù connessi alla realizzazione dell’opera. Per sabato 22 aprile 2017 alle ore 16.30 è previsto un nuovo incontro in via Cangio all’altezza del viale che conduce al sito ove verrebbe installato l’impianto, cui parteciperà il Sindaco Andrea Pirozzi (gli inviti a presenziare sono stati rivolti anche al Sindaco di Arienzo Davide Guida e alle rappresentanze locali del Comune di San Felice a Cancello). Seguirà un corteo di protesta che svilupperà il suo percorso fino alle frazioni vicine.

“L’opera di sensibilizzazione sul rischio per la salute sarà rivolta ad un vasto numero di cittadini anche non residenti nell’area in questione e soprattutto a coloro che, spiega l’avv. Luigi De Rosa, considerano infondati i timori sul pericolo di inquinamento elettromagnetico.” “Se è vero che opere simili sorgono anche in altri Comuni, va anche sottolineato che nessuna ha le dimensioni e la portata di quella in progettazione: un impianto dell’altezza di quasi 40 metri deve sorgere in luoghi molto distanti dai centri abitati, proprio perché per la sua particolare conformazione
potrebbe essere utilizzata non solo per le telecomunicazioni telefoniche o wireless, ma anche per altre finalità, divenendo una potenziale “bomba” elettromagnetica”. “L’attività del Comitato, proseguirà perché forte del sostegno di un numero sempre più cospicuo di aderenti, e tutelerà le istanze dei residenti sia nelle sedi istituzionali che giudiziarie.”


GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre notizie e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB

About Redazione ZON

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.

Check Also

Fine dei giochi: il nuovo sindaco di Maddaloni è lui

“E proprio ciò rasserena più profondamente e intimamente: vedere il Dio vincitore accanto a tutti …

| ZON | Salerno | Roma | Milano | Napoli | Benevento | Avellino | Caserta | Lecce | Foggia | Molise | Matera | Bari | Messina |