Santa Maria Capua Vetere: grande successo per l’Appia Day

Foto di Alessandro Santulli

Si è concluso domenica scorsa il primo weekend di maggio dedicato alla riscoperta dell’antica città di Capua, l’odierna Santa Maria Capua Vetere, che ha visto protagonisti gli studenti dell’Università “Luigi Vanvitelli”

L’evento

Davvero tanta la partecipazione per l’Appia Day nel weekend del 13 e 14 maggio, evento organizzato da Legambiente in collaborazione con la Direzione del Polo Museale della Campania, la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Caserta e Benevento, l’Associazione Maggiolini Partenopei, dell’Università della Campania “Luigi Vanvitelli”. Il tutto è stato reso possibile grazie alla collaborazione tra i cinque comuni che sono attraversati dalla via Appia, Capua, Santa Maria C.V., San Prisco, Curti e San Tammaro.

Il percorso

Il percorso comprendeva una serie di visite ai Monumenti più significativi di Capua Antica; i visitatori hanno avuto l’opportunità di scegliere se seguire il circuito classico che comprendeva Anfiteatro Campano, il Museo dei Gladiatori, il Mitreo, il Museo dell’Antica Capua; oppure partire per l’Appia Tour alla riscoperta dell’Arco di Adriano, i due Fori, il Criptoportico e il Teatro, le Domus di Confuleius e di Via Degli Orti, fino ad arrivare all’esterno di quelle che dovevano essere le mura della città per vedere due tra i più famosi monumenti funerari dell’antichità: le cosiddette Carceri Vecchie e la Conocchia.

I “Ciceroni”

Protagonisti assoluti della manifestazione, durata due giorni, sono stati gli studenti del Corso di Archeologia Classica dell’Università “Luigi Vanvitelli” che hanno riportato alla luce, attraverso i loro racconti, frutto di studi scientifici, l’antica città di Capua dalle profondità della storia, facendo viaggiare nel tempo i tanti turisti che, approfittando del bel tempo, hanno deciso di aderire all’iniziativa. “E’ stata un’ esperienza davvero molto bella e formativa.” – ci dice uno degli studenti che ha fatto da guida – “Anche se tornavamo a casa stremati, siamo stati ripagati dalle parole e dagli occhi della gente che alla fine del tour ci ringraziava e ci salutava con lo stupore e l’emozione stampata sul volto. Tanti sono stati i visitatori e tra questi c’erano anche abitanti del posto che per la prima volta hanno avuto modo di esplorare da vicino quei monumenti che magari vedono tutti i giorni ma che non avevano mai avuto l’opportunità di visitare così a fondo“.

Conclusioni

In effetti l’ “esperimento” dell’Appia Day, che aveva come obiettivo quello di far rivivere la storia della regina di tutte le strade, come era definita in antico, sembra aver avuto un grandissimo riscontro dal momento che sono state più di 1500 le persone che hanno scelto di passare un fine settimana ripercorrendo gli antichi fasti della città di Capua. Concluso il weekend dell’ Appia Day, la serie di incontri si ripeterà, con itinerari differenti, anche nei prossimi fine settimana di maggio con il “Weekend dei Monumenti”, grazie alla collaborazione tra l’Università “Luigi Vanvitelli”, e il Comune di Santa Maria Capua Vetere, dove saranno ancora una volta gli studenti universitari, coordinati dal prof. Carlo Rescigno, a far parlare gli antichi ruderi sparsi nella città moderna.

Per info e prenotazioni consultare la pagina Facebook ufficiale: Maggio in Città SMCV