Ultime notizie
Home » Eventi » Una sera a teatro con “Anonimo Napoletano”: in scena al Teatro Comunale Costantino Parravano di Caserta

Una sera a teatro con “Anonimo Napoletano”: in scena al Teatro Comunale Costantino Parravano di Caserta

Anonimo Napoletano regala due serate all’insegna dell’arte e del teatro, grazie al progetto di “Tradizione & Traduzione”, promosso dalla Città di Caserta con il sostegno di Unione Europea e Regione Campania.

Si terrà i giorni giovedì 23 marzo e venerdì 24 marzo alle ore 20,45 presso il Teatro Comunale di “Costantino Paravano” di Caserta, l’opera musicale  di Patrizio Ranieri Ciu con il nome di “Anonimo Napoletano”, messa in scena dalla Compagnia Teatrale Gli Ipocriti e dai giovani della “Compagnia della Città” , diretti dall’inconfondibile ragia di Ernesto Lama.

“Anonimo Napoletano” è un testo di alto spessore culturale, che mira a promuovere la cultura campana a livello mondiale. Attraverso un accurato flashback, che dipinge la realtà napoletana di fine ‘700, tra rivoluzione e tradizione, viene descritta la vita tormentata dei personaggi, che si svolge sullo sfondo di una Napoli popolare, divisa tra avanguardia e folklore. Intenzione di “Anonimo Napoletano” è anche quella di denunciare il male della società attuale, che sta proprio nella mancanza di comunicazione, come avviene ai personaggi del testo, e diviene metafora dell’era digitale contemporanea. La scelta di presentare un testo bilingue (in Italiano e in Inglese), è segno di uno spettacolo che ha una forte fisionomia internazionale.

LA TRAMA

Il testo è ambientato nel 1799, negli ultimi giorni che precedono la nascita della Repubblica Napoletana. Sulla misteriosa Isola Blu nel golfo di Napoli, avviene l’incontro tra la giovane e sentimentale Lizzy, una ragazza scozzese che accompagna il  padre Sir Douglas a Corte, e Mattia, un giovane pescatore napoletano coinvolto in una cospirazione antiborbonica dal suo amico di infanzia e capobanda rivoluzionario Ascanio. La differenza linguistica dei due giovani, rende difficile qualsiasi forma di comunicazione, che si vedono costretti a ricorrere all’aiuto di un traduttore, il Maestro, che diviene il tramite del destino dei due giovani, che si intreccia tra temi universali come l’amore, la morte, la libertà, la speranza. Il finale sarà ambientato vent’anni dopo, e diretto dalle decisioni del pubblico.


GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre notizie e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB

About Redazione ZON

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.

Check Also

Caiazzo, cadavere sul margine della carreggiata

È accaduto alle due di notte. Sul corpo dell’uomo, un giovane rumeno, i segni di …

| ZON | Salerno | Roma | Milano | Napoli | Benevento | Avellino | Caserta | Lecce | Foggia | Molise | Matera | Bari | Messina |