6 agosto 2018: gli arresti del giorno in provincia di Caserta

Le forze dell’ordine svolgono da sempre un lavoro difficile in un territorio come la nostra provincia. Ecco gli arresti del giorno 6 di agosto 2018

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Marcianise (CE), in via Campania di quel centro, hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato per contrabbando di tabacchi lavorati esteri, ricettazione, contraffazione di marchi, di Golino Silvana, cl. 1976, residente a Marcianise.I militari dell’Arma, a seguito di perquisizione domiciliare, hanno rinvenuto nella disponibilità della donna 54.000 pacchetti di sigarette di numerosissime marche per un peso complessivo di kg 1.040,00circa, tutti privi del contrassegno del monopolio dello Stato.Inoltre, in una delle  stanze al piano terra dell’abitazione,  l’arrestata deteneva capi di abbigliamento, borse, portafogli e scarpe di varie marche per un totale complessivo di 500 articoli, tutti contraffatti e di dubbia provenienza, e 2 televisori ultra hd 55 pollici. La contestuale perquisizione personale eseguita a carico di Golino Silvana ha nonsentito di rinvenire due pacchettini contenenti denaro per un totale di euro 9.000,00 circa. L’arrestata è stata sottoposta agli arresti domiciliari in attesa di essere giudicata con rito direttissimo.

Nell’ambito di una campagna di controlli mirati alla prevenzione e repressione dei reati in danno della fauna protetta autoctona, esotica ed in via di estinzione (C.I.T.E.S.), il Gruppo Carabinieri Forestale di Caserta, unitamente ai Carabinieri Forestali appartenenti al Reparto Operativo S.O.A.R.D.A. (Sezione Operativa Antibracconaggio e Reati in Danno degli Animali) di Roma, avvalendosi di segnalazione fornite dallEnte Nazionale Protezione Animali (ENPA), ha tratto in arresto in flagranza di reato un soggetto dedito alla cattura di esemplari vivi di cardellino, contestando l’ipotesi delittuosa del furto venatorio.
L’intensificazione dei servizi da piena attuazione alla direttiva emessa, a tal proposito, dal Procuratore della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, Dr.ssa Maria Antonietta Troncone, nel mese di gennaio dell’anno corrente inerente alle attività di contrasto al bracconaggio di animali.
L’uomo tratto in arresto, dell’età di anni 49, tale P.D.M. originario di Cardito (NA), è stato sorpreso dai militari in comune di Alife (CE), alla località Masseria Pagano, mentre era intento ad esercitare l’attività di uccellagione in danno degli esemplari di cardellini liberi in natura con l’ausilio di reti appositamente attrezzate e con il sussidio di un esemplare di cardellino utilizzato quale richiamo vivo per agevolare la cattura degli esemplari liberi in natura.
In particolare P.D.M. aveva attrezzato una rete per la cattura illegale di uccelli, posizionata ai margini di un terreno agricolo, ed ancorata a terra con appositi picchetti in ferro avente funzione di cattura mediante un sistema di trappolaggio a tirata a mezzo di una corda, allorquando i malcapitati volatili si posavano sulla stessa. Uccellini attirati in prossimità della rete sia per effetto del richiamo vivo, nella specie un cardellino vivo legato con un filo di nylon ad un paletto di ferro ancorato a terra, che per la presenza di un ortaggio cicoria matura, ossia di un cibo particolarmente gradito ai cardellini.
P.D.M. è risultato essere recidivo in quanto già denunciato altre numerose volte per la medesima tipologia di reato, lultima volta addirittura il 14 luglio 2018.
Il soggetto non è risultato in possesso di autorizzazioni al prelievo venatorio di avifauna selvatica prevista unicamente dallISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale) e né di licenza di fucile per uso caccia: per cui è stato sottoposto ad arresto in flagranza di reato per il delitto di furto cosiddetto venatorio in quanto la fauna selvatica è riconosciuta dalla Cassazione patrimonio indisponibile dello Stato.
Larresto è stato convalidato ed è stata applicata dal Giudice la misura coercitiva del divieto di dimora nel territorio della provincia di Caserta, volta ad impedire al P.D.M. di raggiungere le zone di caccia.
P.D.M. da Cardito era in compagnia di un altro soggetto, tale M.C. di 53 anni, nato a Cardito e residente a Villa Literno (CE) denunciato dai militari per la medesima ipotesi di reato a piede libero.
Quello della vendita dei cardellini è un mercato molto florido in quanto gli esemplari migliori, ovvero quelli più canterini, hanno un elevato valore di mercato. Alcuni estimatori sono disposti ad esborsare anche diverse migliaia di euro per gli esemplari aventi le migliori capacità canore.
Altra pratica illegale che si persegue nella sfera del commercio dei cardellini è la raccolta da terra delle uova nei nidi prima della loro schiusa a mezzo di apposite aste telescopiche munite di pinze e specchietto all’estremità. Le uova così raccolta si fanno schiudere artificialmente e poi i piccoli vengono fatti allevare da coppie di cardellini in possesso dei canti più armoniosi che riescono a trasferire ai piccoli che allevano. Le uova così raccolte hanno un valore di mercato a nero molto più elevato degli esemplari adulti selvatici.