CAIAZZO, TAVOLA ROTONDA SULLA FILIERA AGROALIMENTARE DI QUALITÀ

Non solo materia prima, ma anche mestiere. Per una filiera agroalimentare di vera qualità

Tutto pronto per l’apertura della tavola rotonda che sarà ospitata nella prestigiosa location del Teatro Jovinelli di Caiazzo presso il Palazzo Mazziotti, domani 8 settembre 2017 ore 17:30.

Nel sentire comune si è gradualmente radicata l’idea che la qualità dell’offerta gastronomica sia legata in via prioritaria, addirittura esclusiva ad avviso di tanti, alla materia prima utilizzata.

Da tempo, ormai, la promozione e il rafforzamento della competitività di buona parte delle imprese agroalimentari, in particolare quelle della ristorazione, come pure l’allocazione sul mercato dei nuovi operatori del settore, sono del tutto incentrate sulla selezione dei prodotti da inserire nel proprio paniere commerciale e nella relativa e più accattivante comunicazione degli stessi al pubblico dei consumatori.

In pratica, è venuto stratificandosi un concetto di qualità delle filiere agroalimentari che è basato su tipologia, caratteristiche e reputazione delle materie prime di riferimento.

Sicchè, se ne è via via disperso il senso più autentico, che è invece indissolubilmente ancorato all’artigianalità dei processi produttivi.

Determinante è infatti l’apporto dei saperi, delle competenze e della dedizione di chi opera lungo la filiera, alla stregua del valore rivestito dalle caratteristiche dei prodotti, che pur sempre richiedono di essere sapientemente rispettati, esaltati e trasformati.

In tal senso, si rivela necessario, a fronte delle dinamiche del mercato oggi imperanti, ripristinare la centralità nel dibattito pubblico e nella sensibilità popolare del ruolo dei mestieri, che giova peraltro evidenziare che non hanno ancora raggiunto una degna espressività normativa, nella definizione della qualità dei prodotti somministrati ai consumatori alimentari, dall’origine al bancone o alla tavola.

In sostanza, non esiste vera qualità della filiera che non sia legata all’arte, alla creatività e alle capacità degli operatori coinvolti.

Interverranno:

Luigi CERCIELLO RENNA, Osservatorio Appennino Meridionale Centro Studi “Agriethos”

Filippo DIASCO, Direttore Generale per le Politiche Agricole – Regione Campania

Giuseppe IANNOTTI, Executive chef ristorante Krèsios

Antonio LIMONE, Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno

Franco PEPE, Artigiano della Pizza

Modererà il dibattito Peppe IANNICELLI, Giornalista e Conduttore Televisivo

Il sindaco di Caiazzo Tommaso SGUEGLIA, saluterà i partecipanti e non mancheranno, tra gli altri, rappresentanti del mondo produttivo, gastronomico e socio-culturale campano.