Caserta, Villa Giaquinto e i problemi dal nuovo parcheggio San Carlo

L’area parcheggio, inaugurata qualche giorno fa, è contigua alla rigenerata Villa Giaquinto. I disagi e il contesto

Il 12 dicembre mattina, ad una settimana dalla effettiva apertura, in via San Carlo è stata inaugurata l’area parcheggio  PARK SAN CARLO. Quest’ultimo vede la luce dopo otto anni di lavori, reiteratamente intrapresi e interrotti. Tale struttura è praticamente contigua alla neo rigenerata Villa Giaquinto, posta in via Galilei, turbandone la quiete.

Autorimessa e Villa
Giova ricordare che nel predetto parco pubblico ha per anni, incontrastatamente, regnato uno stato d’abbandono tale da renderlo facile preda d’atti vandalici. Incuria e vandalismo sommati, hanno, dunque, generato degrado. Le sorti di questo loco furono, poi, risollevate dall’intervento nel 2016 dei volontari del Comitato per Villa Giaquinto, che riqualificarono l’area, facendone un luogo di svago e aggregazione, tale da ospitare rassegne culturali, musicali, teatrali e cinematografiche. I membri del Comitato, presenziando all’inaugurazione dell’autorimessa, hanno messo in evidenza la pericolante incolumità gravante sui fruitori della villa, in seguito all’apertura del parcheggio, sottolineando l’incongruenza tra quanto disposto dal progetto comunale e la sua effettiva realizzazione. Nella fattispecie, le carte progettuali (v. fotogallery a margine), prevedevano una separazione tra parco e parcheggio, consistente in cancellate, griglie o affini. La mancata realizzazione di tali strutture espone la villa alle incursioni degli avventori notturni, dunque, alla vandalizzazione. In questa settimana di apertura, infatti, al mattino, in villa sono già stati rinvenuti cocci di bottiglie, cartacce  e oggetti di ogni tipo, prontamente rimossi dai volontari del Comitato. Una seconda incongruenza è stata riscontrata a soli 87 cm. dal calpestabile, dove un’area di oltre 70 mq. non è debitamente coperta da grate, esponendo i bambini che giocano in villa al pericolo di cadere in fossati profondi quasi 5 mt.

Il comitato per Villa Giaquinto
Alla luce di questa torbida vicenda e del mancato rispetto del progetto stipulato tra Comune e Ente Gestore dell’autorimessa, il Comitato ha presentato una petizione, recante 270 firme per la piena realizzazione del progetto. Il mancato pieno adempimento di quest’ultimo rischia di mandare a monte anni di sacrifici dei volontari, spesi a riqualificare un’area vilipesa al punto tale da divenire immonda.