“Castel Volturno da sola non può farcela” cosi parla l’On. Sgambato oggi a Montecitorio

Davide Faraone, Sottosegretario alla Salute risponde all’interpellanza della deputata del Pd Camilla Sgambato riguardo la situazione di Castel Volturno, territorio che ha bisogno di un rilancio e di un continuo impegno da parte del Governo soprattutto per la gestione del problema dell’alto numero di migranti

Il Ministero dell’Interno rimane impegnato, nell’ambito dei propri compiti istituzionali, nell’attivazione di misure di sostegno in grado di favorire la rigenerazione territoriale e di dare stabilità agli interventi tecnici di sicurezza, che non sono mancati e che proseguiranno in favore del territorio di Castel Volturno”.

Si è chiusa con questo impegno formalizzato nell’aula della Camera dei Deputati, la risposta del Sottosegretario alla Salute Davide Faraone alla interpellanza urgente presentata nei giorni scorsi dall’ On. Camilla Sgambato, quale prima firmataria, al Ministro dell’Interno, sulle iniziative che il Governo intende adottare in merito alle criticità del territorio di Castel Volturno, con particolare riguardo alla situazione demografica, anche a seguito dei fenomeni migratori nonché alla recrudescenza della piccola criminalità degli ultimi tempi.

Una situazione di emergenza, che rischia di condurre Comune, Ospedali e Forze dell’Ordine al collasso, quella illustrata nell’aula di Montecitorio, nella seduta di stamani, dalla parlamentare del Pd.

La situazione di Castel Volturno è stata più volte esaminata ed è tuttora seguita, in particolare dalla prefettura di Caserta.  Il 10 dicembre scorso è stata oggetto di seduta del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, a cui ha partecipato anche il Sindaco. L’intera provincia di Caserta continua ad essere interessata da un costante afflusso di migranti, da oltre due anni il Comune di Castel Volturno è escluso dall’accoglienza prevista per i richiedenti asilo. In merito alle iniziative finalizzate al rilancio del territorio, si informa che nel primo semestre del 2015 sono stati approvati diversi progetti relativi ai territori dei comuni di Castel Volturno e Mondragone ed è stato ammesso al finanziamento da parte de Ministro dell’Interno, nell’ambito della gestione del PON, il progetto relativo proprio al comune di Castel Volturno denominato “Aggregazione e legalità”  per un importo di un milmigranti40 mila euro. Le relative procedure di gara, tuttavia in corso presso la stazione unica appaltante provveditorato delle opere pubbliche, termineranno a fine mese con l’aggiudicazione finale.  D’altra parte si rende noto che in applicazione alle misure di sostegno previste in favore degli enti locali, rinnovate al termine del periodo di scioglimento per infiltrazioni mafiose e similari, il comune ha potuto beneficiare dell’assegnazione di un funzionario per lo svolgimento di attività connesse alle criticità nel settore dell’ecologia e ambiente. Sempre nel quadro dell’attività di supporto amministrativo, la prefettura ha avviato un tavolo di confronto con i rappresentati del Comune in relazione alle problematiche del ciclo integrato delle acque: in tale sede sono stati individuati percorsi condivisi, con la definizione di un cronoprogramma per risolvere problematiche esistenti. Riguardo invece alla situazione delle strutture sanitarie presenti sul territorio, si osserva che l’adozione di specifiche misure per il loro potenziamento rientra nelle competenze della regione Campania. Com’è noto sono stati nominati un commissario ad acta ed un subcommissario a cui il Ministro della Salute ha richiesto la rapida esecuzione degli interventi previsti da alcuni decreti come il riordino della rete ospedaliera, l’attivazione della rete di assistenza territoriale e la costruzione di un’unica azienda regionale di emergenza e urgenza. Per quanto riguarda la presenza di forze dell’ Ordine e del locale commissariato di pubblica sicurezza ci saranno 37 unità effettive.

Cosi ha risposto il Sottosegretario Faraone all’interpellanza della Sgambato la quale si dichiara parzialmente soddisfatta. In Aula ha concluso dicendo: ” Le azioni finora svolte per aiutare una comunità che vive in una terra cosi complicata ma anche tanto accogliente come Castel Volturno non si sono dimostrate sufficienti. Gli Organi delle Forze dell’Ordine sono da potenziare visto che il territorio ha 27 chilometri di costa e un numero alto di immigrati, soprattutto non regolari. Sono comunque soddisfatta per l’impegno del Governo e del Ministro Minniti. Il Comune di Castel Volturno da Solo non può farcela, cosi come non può farcela da sola la Regione.

Bisogna riuscire a coniugare le esigenze di sicurezza con quelle dell’accoglienza e della solidarietà e ci saranno sicuramente ricadute positive anche sul Comune di Castel Volturno.