Controlli della Guardia di Finanza nella provincia di Caserta

Fine settimana di fuoco per la Guardia di Finanza che ha effettuato controlli in tutta la Provincia

Ogni giorno siamo costretti a fare i conti con centinaia di tasse, applicate su qualsiasi prodotto che acquistiamo e sui servizi che richiediamo. Probabilmente se tutti pagassero ciò che devono allo stato, la pressione fiscale sarebbe minore. Proprio per questo motivo il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta ha intensificato i controlli in tutto il territorio della Provincia. Le operazioni sono state diverse e in più luoghi.

10Nell’Agro- Aversano due pattuglie di Baschi Verdi del Gruppo di Aversa hanno intercettato un’Audi S4 Avant con a bordo 4 soggetti stranieri, che avevano appena rubato delle componenti elettriche da alcuni ripetitori telefonici. Le due pattuglie hanno così iniziato un  lungo inseguimento durante il quale i malviventi hanno lanciato dei pezzi di refurtiva sulle volanti della finanza, fino a quando hanno abbandonato la vettura nelle campagne di Parete e hanno continuato la loro fuga a piedi. Tuttavia la Guardia di Finanza è riuscita a recuperare tutta la refurtiva.

Nel comune di Aversa ancora i Baschi Verdi, insieme ad una volante del locale Commissariato di P.S., hanno bloccato un giovane che aveva provato a forzare un’autovettura parcheggiata in Via De Jasi.

In località Bagnara del Comune di Castel Volturno i Finanzieri della Compagnia di Mondragone hanno individuato una porzione di terra che era stata trasformata in una vera e propria discarica ovviamente non autorizzata. Il terreno era anche provvisto di un’area adibita all’accensione dei roghi, dunque un’attività che come sappiamo è altamente dannosa per i cittadini.

Nel comune di Santa Maria a Vico i militari della Compagnia di Marcianise hanno individuato una falegnameria abusiva, che è stata sottoposta a sequestro insieme a tutte le attrezzature e le materie prime che sono state trovate al suo interno. Il responsabile era un quarantenne del posto, che è stato segnalato alla competente Autorità Giudiziaria.

Tutto ciò magari un giorno potrà portarci a realizzare quella che oggi sembra solo un’utopia, pagare tutti per pagare meno.