FISH: la scuola è di tutti, purché ci siano fondi e servizi…

scuola

Lo scorso venerdì si è svolto presso la sede della Regione Campania l’incontro tra FISH Campania e l’Assessore alle Politiche Sociali e alla Scuola Lucia Fortini, ma risorse e servizi mancano ancora.

Lo scorso venerdì si è svolto presso la sede della Regione Campania a Santa Lucia, l’incontro tra FISH Campania e l’Assessore alle Politiche Sociali e alla Scuola Lucia Fortini, che ha avuto come obiettivo principale quello di trovare le opportune soluzioni in merito al trasporto degli studenti con disabilità delle scuole superiori e ai servizi di assistenza alla comunicazione, all’autonomia e materiale, prima dell’inizio dell’anno scolastico. Oltre alla presenza dell’Assessore, hanno preso parte alla riunione il dottor Antonio Oddati, Capo Dipartimento dell’Istruzione, della Ricerca, del Lavoro, delle Politiche Culturali e delle Politiche Sociali, la dott.ssa Fortunata Caragliano della Direzione Generale per le politiche sociali, le politiche culturali, le pari opportunità e il tempo libero e la dott.ssa Flora Savastano dell’UOD Istruzione. Per la Federazione erano presenti il presidente Daniele Romano e Gennaro Pezzurro. Ricordiamo che l’incontro è stato voluto fortemente dalla Fish Campania, in occasione del lancio della campagna “Vogliamo andare a scuola”. Campagna con la quale l’associazioni come Ledha e FISH Campania, che da sempre si occupano dei diritti delle persone con disabilita sperano di “costringere” le istituzioni scolastiche e gli enti preposti a garantire, per il nuovo anno scolastico, un ampio e libero accesso al mondo dell’istruzione anche agli studenti con disabilità.

Un’obsoleta ripartizione delle risorse economiche destina alla regione Campania circa 6 milioni 800 mila euro, una cifra veramente esigue se si considera che la Lombardia, con un numero di studenti di poco superiore, riceve 14 milioni di euro.

Ma l’Assessore ha voluto rassicurare i presenti sul fatto si adopererà per modificare questa iniqua ripartizione delle risorse nella prossima riunione che si terrà il 6 luglio a Roma.

 Altra questione fondamentale è poi la gestione di questi servizi, secondo una proposta di Linee Guida elaborata dalla Direzione Generale delle Politiche Sociali e dell’Istruzione, si è intenzionati a far gestire il servizi dedicati alle persone con disabilità, come il trasporto presso l’istituzione scolastica, ai Comuni.

Le maggiori preoccupazioni espresse dalla Fish Campania, riguardano non tanto le risorse, perché fiduciosi dell’impegno preso dalla Fortini, ma più dai tempi tecnici che servono poi per mettere in campo i sopracitati servizi. La FISH propone prorogare i servizi di questo anno anche all’anno prossimo, ma la cosa non è semplice perché ogni Provincia ha modalità diverse di gestione. Ad oggi l’unica amara certezza è quella delle risorse, anche se insufficienti. Se la scuola a settembre non inizierà per tutti, la FISH Campania intende passare dalle parole ai ai fatti, denunciando la Regione. Perché non si può pensare alle persone con disabilità come a cittadini di serie B: l’istruzione è di tutti e per tutti.

La FISH Campania incontrerà l’Assessore Fortini dopo il 6 luglio, per avere un quadro definitivo della situazione.