I sapori della Valle di Suessola: viaggio tra le ricchezze enogastronomiche



Valle di Suessola: gusto, tradizioni e innovazioni”, evento a cura di Antonio Pascarella, martedì 17 luglio, presso il ristorante Margherita di Arpaia

La Valle di Suessola, oltre a donare panorami mozzafiato di Napoli, Caserta e Benevento (raggiungendo le cime più alte dei monti che la circondano), offre una quantità di prodotti alimentari e culinari di grande spessore.

Il Territorio non viene inteso solo come luogo geografico costituito dalla natura e dal paesaggio, ma è anche un insieme omogeneo di storia, tradizione e cultura, che si esprimono attraverso il loro patrimonio artistico, le tradizioni enogastronomiche e in particolare i prodotti tipici locali.

Cercando di valorizzare il cibo si prova a valorizzare allo stesso tempo i territori alle spalle dei prodotti e il sapere millenario che accompagna la loro storia. Il legame tra comunità e cibo è un legame doveroso da far emergere. D’altronde la storia del cibo diventa storia degli uomini e dei luoghi che li circondano.

E’ proprio in questo quadro e dall’idea dell’organizzatore Antonio Pascarella, che nasce “Valle di Suessola: gusto, tradizioni e innovazioni”.

L’evento è volto alla valorizzazione delle ricchezze naturali della Valle di Suessola e dintorni, integrandole in modo sinergico attraverso un itinerario enogastronomico, tutto dedicato alla degustazione di pizze, e non solo, ispirate alla tradizione suessolana.

Un progetto nato dal desiderio e dalla volontà dell’ideatore, di creare un connubio perfetto tra la sua passione per “l’arte” della  pizza e l’amore per la propria terra che l’ha visto lontano per anni.

L’idea è quella di favorire la riscoperta, la rivalutazione e la diffusione della cultura enogastronomica suessolana attraverso una scrupolosa attenzione sull’utilizzo o il riutilizzo di materie prime locali. Infatti, molti prodotti, che in passato facevano parte della cucina tradizionale, ora rappresentano cibi quasi dimenticati. Tra questi, ricordiamo, la nocciola di Talanico o la mela annurca.

Anche la locatin scelta è legata a questa filosofia. Si tratta dello storico locale Margherita di Arpaia che vanta più di 100 anni di attività. Era, infatti, il lontano 1914 quando ha aperto i battenti e da allora molti sono stati i successi ma anche i cambiamenti. Negli anni la struttura si è evoluta sempre più e si è trasformata in una nuova realtà, senza mai perdere la propria identità. Il Ristorante, sito in via Costa Caudio, si trova ai confini della nostra Valle ed è un punto di contatto con l’area sannita.

Questo è un dettaglio importante, infatti insieme alle pizze saranno serviti anche vini che provengono da territori limitrofi, in particolare zone del Beneventano.

I partecipanti potranno degustare un aperitivo iniziale, pizze gourmet eccezionali (tre tipologie), vino e dolce.

Tra le specialità:

Pizza con buccia di mela annurca croccante, composta di mela annurca, stracciatella di bufala, salvia croccante e nocciola di Talanico. (vino: Falanghina);

Pizza con prosciutto di Pietraroya, scalogno cotto sotto sale, piselli ripassati, scaglie di caciocavallo Silano e crema di piselli. (vino: Aglianico);

Pizza con caviale di melanzana, pomodorini confit, fiori di sambuco, crema di bufala e basilico fresco. (vino: Greco)

L’appuntamento è fissato per martedì 17 luglio, a partire dalle ore 20:30.

Prenotazione necessaria. Per info: 389 96 26 689 / 0823 95 00 74

L’itinerario gastronomico rappresenta un nuovo modo di viaggiare, alla ricerca di sapori e tradizioni, dove il cibo assume il ruolo da mediatore tra la cultura del territorio e i valori legati alla terra ed alle proprie radici. Ecco perché questa è un’iniziativa importante e da non perdere.

 

 

 

 

 

Leggi anche