Morte choc: Trovarti morti madre e figlio dopo tre giorni

clan dei casalesi

Solo l’odore forte proveniente dalla casa ha insospettito i vicini: Madre e figlio trovati morti nel loro appartamento dopo tre giorni

L’odore di morte ha insospettito i vicini solo così si sono potuti scoprire i cadaveri di una madre e di un figlio: lui, Saverio Ronzo,56 anni morto di overdose, lei, Marta Vito che di anni ne aveva 92 muore d’infarto ai piedi del letto. Molte le ipotesi formulate dagli inquirenti, ma ancora nulla di certo.

Sono stati i Carabinieri di Capua a scoprire i cadaveri in una palazzina di via Trento, a Pignataro Maggiore che hanno aperto le porte dell’appartamento con l’aiuto dei Vigili del Fuoco ieri sera intorno alle 20:00.

Inizialmente si era pensato ad una fuga di gas ma dopo, alla vista del cadavere dell’uomo, con una siringa e un laccio emostatico, le dinamiche sono apparse chiare. La morte sarebbe sopraggiunta per entrambi nella notte di sabato quando Saverio, che probabilmente aveva esagerato con la dose, avrebbe iniziato a lamentarsi e a chiamare la madre, che aveva problemi di deambulazione. Marta sarebbe sopraggiunta per soccorrerlo,  senza riuscirci e sarebbe quindi morta d’infarto piegata dal dolore.

Erano rimasti soli Marta e Saverio, lei anziana e lui isolato dalla droga che aveva perso lavoro e anche l’amore della vita. A nulla sono valsi i tentativi di disintossicazione, Saverio era ricaduto nella droga.