Pecore investite sui binari, treno fermo per 50 minuti alla Stazione di Cancello

Le pecore sono state investite ad Acerra, molti i disagi sulla linea ferroviaria

È una situazione che i pendolari della Valle Caudina conoscono bene: restare fermi nel nulla in attesa per minuti, quando va bene, ore intere, nelle giornate meno fortunate. Oggi, a mettersi tra i viaggiatori e la meta agognata, che per molti è Napoli, sono state delle pecore sprovvedute che, nell’attraversare i binari ci hanno rimesso la vita. Si può solo immaginare, la rabbia, la tristezza dello sbadato pastore che, sentendosi in parte responsabile, non è riuscito a sventare il misfatto.

Ma quello che fa più riflettere, in questa vicenda, è che, o per un motivo o per un altro, i pendolari della tratta Benevento-Napoli, sono costretti ad osservare immobili e impotenti nei vagoni fermi le coltivazioni stagionali, sospesi nelle campagne del casertano o napoletano. E se da un lato la vicenda tragicomica può suscitare ilarità sulle bocche dei meno sensibili come avviene quando si parla di ovini; dall’altro non bisogna dimenticare che a usufruire del servizio di trasporto sono uomini e donne che si recano nel capoluogo di Regione, non per piacere ma per lavoro, per studio, colloqui di lavoro e anche il minimo ritardo può avere una ripercussione sulla vita giornaliera di queste persone.