Saviano supplente di storia al Liceo Classico “G. Bruno” di Maddaloni

Saviano sarà protagonista del primo episodio de “Il supplente” a partire da stasera alle ore 21.20 su Rai2

“Cosa accade se un giorno in una classe di quinta superiore l’insegnante è assente e, a sorpresa, si presenta in classe un personaggio famoso?”. “Il supplente” è una serie tv che andrà in onda a partire dalla giornata di oggi su Rai2 alle ore 21.20. E’ possibile creare un clima sereno nel quale coinvolgere gli studenti per una conoscenza che vada al di là del mero programma scolastico? E’ questa la sfida che si pongono vari personaggi famosi nella veste di supplenti e il primo tra questi è Saviano, autore di Gomorra. 

Saviano entra in classe per supplire il professore di storia al liceo classico “G. Bruno” di Maddaloni, perché “è necessario avere uno sguardo che attraversa il tempo”. Inizia con il caso Dreyfus, il “J’accuse” di Emile Zola, l’intellettuale che si schiera in difesa di un innocente ingiustamente accusato, per poi proseguire con discussioni sui diritti, sul proibizionismo e sulla libertà.

Nelle successive puntate ci saranno Mara Maionchi, al liceo linguistico “Artemisia Gentileschi” di Milano, J-Ax ed Enrico Mentana e Flavio Insinna.

Tutto ciò spezza la quotidianità scolastica, vengono meno le tensioni delle interrogazioni per un confronto più diretto su temi poco affrontati nelle scuole.

Per ottenere l’effetto sorpresa, agli studenti viene detto che verranno effettuate delle riprese per fini istituzionali. Il giorno della registrazione i ragazzi sanno che le telecamere sono in classe, per riprendere una normale lezione con il loro professore.

Questo metodo ha avuto effettivamente riscontri da parte dei maggiori interessati, ovvero gli studenti? “Una lezione di vita: questa per me è la buona scuola”, dirà uno studente al termine della lezione.